N/A N/A N/A N/A

Etico ed ecologico: scelte di stile

Ogni prodotto che trovate su promoetica.com e sui nostri cataloghi è frutto di scelte precise, di un percorso attento, di un processo creativo e produttivo curato in ogni dettaglio. Per garantire la massima qualità abbiamo detto sì a molte e cose e no ad altre. Non è semplice, ma è ciò che fa la differenza.


I nostri sì:

1. Al rispetto dei diritti di chi lavora
2. A una filiera produttiva etica e trasparente con pochi passaggi tra chi produce e chi acquista
3. A processi produttivi a basso impatto ambientale
4. Alla valorizzazione delle tecniche di produzione artigianale e tradizionale
5. Ai materiali naturali, a quelli riciclati e riciclabili
6. Ai metodi di coltivazione biologica
7. A un modello di crescita economica positivo ed equilibrato

I nostri no:
1. A condizioni di lavoro non dignitose e salari sotto la soglia di sopravvivenza
2. Allo sfruttamento del lavoro minorile
3. A terzisti anonimi e a prodotti dall'origine oscura
4. A produzioni seriali di oggetti usa e getta
5. All’utilizzo di prodotti dannosi per la salute di chi produce e di chi acquista
6. All’abuso delle risorse naturali
7. Ad un sistema economico che non consente un’equa distribuzione delle risorse

Etico ed ecologico: scelte di stile

Ogni prodotto che trovate su promoetica.com e sui nostri cataloghi è frutto di scelte precise, di un percorso attento, di un processo creativo e produttivo curato in ogni dettaglio. Per garantire la massima qualità abbiamo detto sì a molte e cose e no ad altre. Non è semplice, ma è ciò che fa la differenza.


I nostri sì:

1. Al rispetto dei diritti di chi lavora
2. A una filiera produttiva etica e trasparente con pochi passaggi tra chi produce e chi acquista
3. A processi produttivi a basso impatto ambientale
4. Alla valorizzazione delle tecniche di produzione artigianale e tradizionale
5. Ai materiali naturali, a quelli riciclati e riciclabili
6. Ai metodi di coltivazione biologica
7. A un modello di crescita economica positivo ed equilibrato

I nostri no:
1. A condizioni di lavoro non dignitose e salari sotto la soglia di sopravvivenza
2. Allo sfruttamento del lavoro minorile
3. A terzisti anonimi e a prodotti dall'origine oscura
4. A produzioni seriali di oggetti usa e getta
5. All’utilizzo di prodotti dannosi per la salute di chi produce e di chi acquista
6. All’abuso delle risorse naturali
7. Ad un sistema economico che non consente un’equa distribuzione delle risorse